RAPINE IN FARMACIA: IL MINISTERO DELL’INTERNO DICE SÌ A VIDEOALLARME

0 Comments

RAPINE IN FARMACIA: IL MINISTERO DELL’INTERNO DICE SÌ AI SISTEMI DI VIDEOALLARME

Per prevenire e contrastare le rapine in farmacia, il 6 ottobre scorso è stato rinnovato per 3 anni il Protocollo d’intesa tra Ministero dell’Interno, Federfarma e A.S.So.Farm.

La buonissima notizia, comunicata dallo stesso dicastero sul proprio sito web, è che il Ministero dell’Interno ha detto sì all’adozione di sistemi di VideoAllarme anti-rapina collegati in tempo reale con le Forze dell’Ordine all’interno di farmacie sempre più prese di mira dai ladri.

Il Protocollo d’intesa è stato firmato dal ministro dell’Interno Luciana Lamorgese e dai vertici delle associazioni Federfarma (Federazione nazionale unitaria titolari di farmacia) e A.S.So.Farm (Aziende e servizi socio-farmaceutici-farmacie comunali).

La notizia del collegamento di sistemi di video allarme con le sale operative di Polizia di Stato e Arma dei Carabinieri ci gasa e ci onora. Grazie alla partnership tra Più Sicurezza e Securshop By Gecom ci occupiamo e proponiamo da tempo il servizio di VideoAllarme che non va confuso con il Teleallarme. Si tratta di due sistemi diversi tra loro e ti spiegheremo perché.

 

LA PAROLA D’ORDINE È MONITORARE FURTI E RAPINE IN FARMACIA

Con una nota il Ministero dell’Interno ha ricordato che il Protocollo d’intesa è stato siglato per la prima volta nel 2010. Da allora, è stato periodicamente rinnovato.

Prevede lo sviluppo di forme di collaborazione più estese anche attraverso attività di informazione e, soprattutto, di formazione dei titolari delle farmacie e del personale da parte di esperti delle Forze di Polizia. Non solo contrasto del crimine, quindi, ma anche formazione e prevenzione. Due iniziative fondamentali per proteggere le farmacie, tra le attività più colpite da furti e rapine. Soprattutto nel periodo del lockdown (ma anche con le riaperture delle attività commerciali sospese dal blocco in tempi di pandemia), le farmacie sono state pericolosamente prese di mira dai ladri. In particolare, le rapine mettono in serio pericolo non solo il personale delle farmacie ma anche i clienti.

Il Protocollo d’intesa serve anche a sensibilizzare sul tema della sicurezza del settore. Nell’ambito della sensibilizzazione sulla sicurezza in farmacia, sono previsti accordi sul territorio tra prefetture ed associazioni locali di Federfarma e A.S.So.Farm.

La parola d’ordine è monitoraggio costante sui dati relativi a furti e rapine nelle farmacie. I dati devono essere forniti periodicamente alle due associazioni firmatarie per scopi statistici e al fine di rendere più efficace la prevenzione.

L’intesa è in linea con il protocollo quadro Video Allarme anti-rapina, stipulato a dicembre 2019 dal Ministero dell’Interno, Confcommercio-Imprese per l’Italia e Confesercenti nazionale.

 

MARCO COSSOLO RINGRAZIA LE FORZE DELL’ORDINE E IL MINISTERO DELL’INTERNO

Marco Cossolo, presidente Federfarma, ha ringraziato in una nota il Ministro dell’Interno e le Forze dell’Ordine per l’impegno dimostrato a tutela della sicurezza sia dei presidi sia dei 4 milioni di cittadini che entrano quotidianamente nelle farmacie italiane.

La firma del Protocollo d’intesa da parte del ministro Lamorgese dimostra la volontà da parte delle Istituzioni di proteggere le farmacie ed i cittadini tramite l’utilizzo di sistemi di videosorveglianza, video allarme ed iniziative per la formazione dei farmacisti in tema di sicurezza.

Cossolo ha ricordato che le farmacie, essendo un presidio sanitario di prossimità facilmente accessibile a tutti, resta uno dei bersagli preferiti dai criminali. Durante l’emergenza Covid-19 sono rimaste sempre aperte, spesso prolungando gli orari di servizio. Vanno assolutamente protette.

Grazie alla collaborazione ed all’impegno delle Forze dell’Ordine e del Ministero dell’Interno, negli ultimi anni è stato possibile contenere e limitare il numero delle rapine in farmacia, assicurando una maggiore tutela sia agli operatori sia agli utenti.

 

TELEALLARME E VIDEOALLARME: LA DIFFERENZA

C’è una bella differenza tra Teleallarme e VideoAllarme.

Il Teleallarme è la semplice chiamata telefonica diretta dell’utente o indiretta (tramite centrale di allarme o Istituto di Vigilanza).

Il VideoAllarme è la trasmissione diretta e in tempo reale delle immagini alle sale operative. Con questo sistema anti-rapina gli operatori di Polizia possono assistere in diretta video all’evento e modulare il pronto intervento. Consente di tutelare al massimo sia la persona minacciata sia gli operatori di Polizia e di conoscere esattamente le vie di fuga del malvivente.

Il VideoAllarme è un gioiello della Sicurezza Urbana Integrata e rimanda al concetto di Sicurezza Partecipata. La sua efficacia aumenta grazie all’utilizzo da parte di altri utenti collegati con il sistema nelle vicinanze.

 

COME FUNZIONA IL VIDEOALLARME ANTI-RAPINA

Visione multipla, interventi mirati in tempo reale, rapidità per spaccare i secondi nel contrasto di furti, rapine, aggressioni.

In caso di rapina, il VideoAllarme si attiva in modalità silenziosa, viene generato dall’utente con discrezione per non mettere a rischio l’incolumità della persona minacciata o aggredita. Una volta lanciato l’allarme, la richiesta d’intervento raggiunge subito le Centrali Operative delle Forze dell’Ordine.

L’allarme parte (e arriva) comunque, anche in caso di guasto o interruzione dolosa.

I tempi di intervento sono i più rapidi di sempre (siamo sull’ordine di secondi):

– l’allarme viene lanciato in 10 secondi;

– per il collegamento con le Forze dell’Ordine e la visione delle telecamere da parte delle sale operative 112-113 bastano 20 secondi;

– la pattuglia viene inviata in 45 secondi con possibilità di visione delle telecamere stradali, individuazione della via di fuga e riconoscimento del veicolo in fuga.

L’altro vantaggio per le Forze dell’Ordine è questo: dopo la ricezione dell’SOS, la sala o centrale di alarm monitoring può verificare subito dai monitor la reale entità del rischio. Gli agenti potranno così affrontare la situazione conoscendo in partenza i rischi, intervenendo in modo mirato ed efficace.

La possibilità di cogliere in flagranza di reato o in fuga ladri e rapinatori aumenta parecchio con questo sistema.

 

Per altri importanti dettagli sul VideoAllarme clicca qui.

francesco ciano libro 100 segreti per diventare un ladro

Francesco Ciano

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *